Tra la spada e il muro
Storie di vittime e di eroi del lavoro pubblico del nostro tempo - 8 atti unici + 1
I lavoratori pubblici si raccontano.
Pubb. : Febbraio 2015
144 pag
ISBN: 978-88-230-1955-3
Collana: Arte e lavoro
Descrizione
Cos’è il lavoro pubblico nel nostro paese? Come lo conoscono i cittadini, le donne e gli uomini che hanno bisogno di incontrare un’amministrazione pubblica? E i lavoratori dei servizi pubblici come si vivono, quale rapporto hanno con il proprio lavoro, quale ruolo immaginano nella società? La risposta a queste domande sta nel fatto che oggi i lavoratori pubblici si sentono costretti tra la spada di cittadini arrabbiati nei confronti di istituzioni non vissute come proprie e anzi avvertite come ostili, da una parte, e dall’altra la sordità e il muro della dirigenza e della politica. Federica Di Rosa ed Elisa Roson hanno compiuto un viaggio attraverso il lavoro pubblico incontrando operatori ecologici, agenti di polizia penitenziaria, infermieri e medici, cancellieri di tribunali e vigili del fuoco, educatrici di asili nido e impiegati dello sportello di un ufficio immigrati. Questi si sono raccontati con autoironia ma anche con una grande capacità critica sul proprio lavorare e sul funzionamento della macchina pubblica che, in preda all’eccessiva burocrazia, allo stratificato sovrapporsi di leggi e decreti contraddittori e generici, ostacola l’azione e costringe il lavoratore a diventare un funambolo che si muove continuamente su una linea sottile, in bilico tra le richieste del pubblico e la legge. Il volume si compone di 8 atti unici (+1) raccontando, in chiave metaforica, la condizione kafkiana che inserisce nello stesso meccanismo lavoratori e utenti dei servizi, che si rivelano, al contempo, eroi e vittime. Il libro è un contributo al più generale dibattito intorno ai temi del lavoro e della sua identità, della sua capacità di autorappresentazione. Uno sguardo dall’interno come stimolo a riconsiderare il valore primario del lavoro pubblico in quanto lavoro di persone che si occupano di altre persone.