Luciano Lama - il riformatore unitario
La proposta globale del 1973, l'università  di Roma 1977, la svolta dell'Eur, il terrorismo, la vertenza Fiat del 1980, l'addio.
Febbraio 2017
ISBN: 978-88-230-2072-6
Collana: Storia e memoria
Lamastoria del sindacatostoria della Cgil
Descrizione
La ricerca di Montali si avvale delle fonti ufficiali: libri, giornali, interviste, dichiarazioni pubbliche,
testimonianze, e dei documenti interni, custoditi nell’Archivio storico della Cgil. Si inserisce in una
serie di iniziative editoriali della Cgil, mostre, convegni che testimoniano l’attenzione e l’affetto della
Confederazione per Luciano Lama.
Potrebbe persino sembrare normale, visto il ruolo di segretario generale, la sua lunga militanza.
Vorremo rendere evidente, invece, l’attualità del suo pensiero e delle sue scelte. Per questo abbiamo voluto ricordare quel periodo e quelle battaglie: pensiamo possano dire qualcosa anche oggi...
Lama diventa segretario generale in una fase di avanzamento e rafforzamento sindacale nei luoghi di lavoro.
Cambiano i rapporti di forza, e i nuovi strumenti di democrazia e contrattazione nei luoghi di lavoro, figli
di un ciclo lungo e fortunato di lotte sindacali unitarie e dello Statuto dei lavoratori, sanciscono nuovi equilibri nel conflitto tra capitale e lavoro, conferendo al sindacato un potere significativo. Lama si batte per usarlo tutto quel potere, dentro e fuori dei luoghi di lavoro, per avviare una fase di riforme e investimenti: per cambiare, in meglio, il paese...
Questa ostinata ricerca di una cornice generale, confederale, alle iniziative sindacali è la cifra del sindacato
italiano: di un sindacato confederale, aperto, non corporativo, unitario, attento ai cambiamenti europei e a
quel che succede nel mondo...
Dalla prefazione di Susanna Camusso