Il mercato dei valani a Benevento
La compravendita del lavoro infantile nel Sud Italia tra il 1940 e il 1960
La storia della pratica della compravendita del lavoro infantile nel Sud d'Italia tra il 1940 e il 1960.
A cura di:
Marzo 2012
120 pag
ISBN: 88-230-1651-4
Collana: Storia e memoria
Descrizione
Il termine valano, insieme ai rispettivi geosinonimi gualano e ualano, indica lo stalliere, il bifolco, l’addetto al bestiame che veniva venduto il giorno dell’Assunta di ogni anno in tutte le città del Sud dove fosse presente la consuetudine della compravendita di manodopera pastorale. Consuetudine secolare in base alla quale nella piazza principale del paese annualmente avveniva la pubblica esposizione e la vendita dei «garzoni», ingaggiati come salariati fissi nelle campagne al servizio degli agricoltori più abbienti. I contratti venivano pattuiti oralmente il 15 agosto e l’8 settembre avveniva la consegna dei lavoratori. Si trattava per lo più di ragazzi tra i sette e i tredici anni e giovani che, appartenendo a famiglie numerose di braccianti o di contadini poverissimi, dalle stesse famiglie venivano venduti per il periodo di un anno in cambio di un tozzo di pane e di un giaciglio, per servire da schiavi nei lavori più umili e duri delle campagne, privi di ogni diritto sancito dalle leggi sul lavoro. A Benevento, fino alla fine degli anni ’50, questo mercato di carne da lavoro si teneva in Piazza Duomo, addirittura dinanzi all’Ufficio comunale di collocamento. E di quale fosse questa tremenda realtà dà conto il volume che, in assenza di fonti storiografiche e di sufficiente documentazione, è stato realizzato interamente grazie a fonti orali e testimonianze dirette acquisite superando il riserbo di lavoratori renitenti al racconto di una vicenda privata sentita ancora oggi come lesiva e disonorante.
Rassegna:
Il mercato dei valani di Elisabetta Landi
da: Il Sannio-12 Marzo 12
12/03/2012

Download
Mercato dei valani: cinquant'anni dopo, un libro lo riporta alla luce
da: il vaglio.it-10 Marzo 12
10/03/2012
In Piazza Orsini, ancora nel dopoguerra, si svolgeva una sorta di mercato delle braccia, finché non fu proibito. Il volume presentato al pubblico nella Libreria Luidig, al Corso Garibaldi. 'I compratori di schiavi esaminavano la dentatura, le gambe, il petto del gualano e se le sue mani fossero ancora troppo tenere, e non munite di promettenti calliâ?¦. È Corrado Alvaro a descrivere con queste parole quello che osservò in prima persona a Benevento durante un suo passaggio in città  nel corso degli Anni '50. Allo scrittore calabrese capitò infatti di assistere allo svolgimento del cosiddetto mercato dei valani, nei pressi della Cattedrale cittadina. A riportare alla luce l'esistenza di tale pratica è stata Elisabetta Landi, ricercatrice di canto di tradizione e di storia orale, che adesso ha pubblicato i suoi studi in merito per i tipi della Ediesse, la prestigiosa casa editrice della Cgil.
Link alla risorsa
Il mercato dei valani a Benevento
da: Radio Articolo 1-13 Marzo 12
13/03/2012

Link alla risorsa
Valani
da: La storia e la memoria - Radio 24-31 Marzo 12
31/03/2012
L'approfondimento di Dino Pesole è dedicato ai valani, bambini e ragazzi che tra il 1940 e il 1960 venivano venduti come merce al mercato per essere impiegati nelle campagne. Ospite ai nostri microfoni Elisabetta Landi autrice del libro 'Il mercato dei valani a Benevento pubblicato da Ediesse.
Link alla risorsa
La schiavitù in piazza
da: il Manifesto-4 Aprile 12
04/04/2012

La schiavitù in piazza
da: il Manifesto-4 Aprile 12
04/04/2012

Download
Elisabetta Landi IL MERCATO DEI VALANI A BENEVENTO
da: Folk Bullettin-4 Aprile 12
04/04/2012
Nel capitolo introduttivo del suo libro, Elisabetta Landi racconta come si sia imbattuta nelle vicende dei valani durante le ricerche sui canti di tradizione orale. Nel corso di interviste nella zona di Castelpoto in provincia di Benevento, la Landi, ricercatrice di musica popolare, cantante e suonatrice di tammorra prima con i Musicalia poi con gli Ausulea, titolare di una libreria nel centro di Benevento, aveva ascoltato diverse testimonianze in merito, ma fino a quel momento esse erano state ricche di contraddizioni; inoltre, la quasi totale assenza di documentazione scritta sull'argomento non era in grado di confermare l'esistenza di questo singolare mercato di fanciulli e uomini. Uno dei testimoni privilegiati, Nicola Panella, poi emigrato in Toscana, nel corso di un'intervista raccontò con precisione e dovizia di particolari di essere stato venduto, da bambino, al mercato dei valani. Quell'intervista ha dato la stura ad una ricerca sul campo, attraverso una serie di interviste e di indagini documentali. Queste ultime non sono approdate a molto: incredibile a dirsi, ma non sono stati reperiti documenti che testimoniassero il fenomeno, quasi in una sorta di grande rimozione collettiva. Le interviste, allo stesso tempo, non sono state semplici da condurre: è stato difficile superare le riserve dei lavoratori, che avvertono ancora oggi la propria vicenda personale come lesiva e disonorante, ma esse hanno costituito il corpo dello studio della Landi. Chiaramente il metodo stesso della ricerca sul canto di tradizione orale ha portato l'autrice ad entrare in contatto con le popolazioni contadine locali e ad acquisire testimonianze dirette che si sono poi rivelate centrali. Questo piccolo grande libro ha il merito di aver riportato al centro la questione dei valani, dello sfruttamento del lavoro infantile per i lavori nei campi e nelle stalle. A servizio per un anno presso i massari, i ragazzini mangiavano e dormivano là dove lavoravano, per lo più all'interno della stalla dove governavano gli animali. Il termine valano indica lo stalliere, il bifolco, l'addetto al bestiame. La ricompensa pattuita per il valano era in natura: vitto e alloggio per un anno, poche lire e qualche sacco di grano alla famiglia che lo cedeva. Probabilmente di origine longobarda, il termine valano trae origine da wald, che in tedesco indica il bosco. I valani sono citati in numerosi documenti storici nei territori del Sannio, ma anche in Puglia, Abruzzo, Calabria, Molise e tutte le terre longobarde fino al confine del ducato di Spoleto. Ma a Benevento il mercato dei valani si svolse fino alla fine degli anni cinquanta nel ventesimo secolo, nonostante tutte le leggi preposte alla tutela dei fanciulli e dei minori in genere. Le leggi e i controlli del periodo fascista fecero sà che in quegli anni il mercato di braccia si svolgesse di nascosto, ma non lo interruppero. Dopo una ricostruzione storica ed economica del contesto e delle condizioni in cui si svolgeva questo singolare mercato, nel libro la Landi riporta il dibattito storico e politico che nacque sulla scorta dell'articolo dell'avvocato Romano di Benevento. Nel 1950 l'avvocato Francesco Romano scrisse un articolo-denuncia su questa fiera che avveniva ogni anno, il 15 agosto, giorno dell'Assunta, proprio in quella piazza davanti l'Arcivescovado di Benevento; il suo articolo, corredato anche da esplicite testimonianze fotografiche, scosse le coscienze e suscitò finalmente un'analisi del fenomeno. Sulla stampa vi fu un certo clamore che spinse anche il deputato socialista Luigi Sansone a presentare un'interrogazione in Parlamento all'allora sottosegretario per il lavoro Rinaldo Del Bo. Notizie di questo nefasto mercato sono poi state riportate da diversi scrittori nei loro libri: Corrado Alvaro in Un treno nel Sud, Guido Piovene in Viaggio in Italia. Sul medesimo argomento Luigi Einaudi scrisse una lunga lettera al giornale liberale Il Mondo, che accolse anche interventi di Gaetano Salvemini e Paolo Sylos Labini. Tuttavia l'estinzione del fenomeno non fu tanto dovuta alle denunce sulla stampa e agli interventi sindacali, quanto piuttosto all'avvento della meccanizzazione nelle campagne, che produsse l'abbandono del lavoro manuale e richiese la riorganizzazione delle attività  nei campi e nelle stalle. Il libro di Elisabetta Landi riporta, infine, le interviste ai valani, nel dialetto originario e in italiano, testimonianze della dura vita del valano e dei patimenti subiti, di cui si riportano alcuni brani: 'Ho fatto il valano dal 1943 al 1950. Avevo tredici anni, mio padre mi prese e mi portò a Benevento in piazza Orsini dove si vendevano, chiamiamoli, schiavi. Sono andato a garzone a fare il pecoraro, mi pattuirono per un quintale di grano e 1500 lire. Allora il padrone, la prima cosa che fece, mi venne a guardare in bocca se avevo i denti buoni, se ero robusto con i muscoli, per vedere che forza c'avevo, perché loro dovevano sfruttare al massimo quello che potevano. Completano il testo, in appendice, l'articolo dell'avvocato Romano 'Uomini venduti in cambio di sacchi di grano, l'interrogazione parlamentare del deputato Sansone, un contratto agrario del 1880, le foto dei testimoni.
Quei bimbi venduti in piazza
da: Otto pagine-27 Mag 12
27/05/2012

Download
Quel mercato dei bambini a Benevento
da: Avvenire-20 Giugno 12
20/06/2012

Download
Il mercato dei valani di una volta
da: Quotidiano della Basilicata -11 Agosto 13
11/08/2013

Download
Crash - Storie di piccoli schiavi
da: Crash - Rai Storia-12 Febbraio 14
12/02/2014
Minorenni e lavoro: dagli anni '40 a oggi molto è cambiato in Italia. Dai bambini che venivano venduti sulla piazza di Benevento per essere ceduti a famiglie benestanti e lavorare nei campi o i bambini che lavoravano nelle miniere di zolfo in Sicilia, fino ai giorni nostri, dove sono soprattutto gli stranieri più giovani ad essere sfruttati nel mondo del lavoro nero. Eppure in un quartiere di Palermo, secondo uno studio condotto da 'Save the Children, quasi il 70% dei ragazzi italiani lasciano la scuola con la sola licenza media per andare a lavorare.
Link alla risorsa