Costituzione bene comune
Il volume, raccoglie gli interventi dell'assemblea di gennaio 2016 e si propone di far conoscere le ragioni del Comitato del NO
Pubb. : Giugno 2016
90 pag
ISBN: 978-88-230-2034-4
Collana: Materiali
Descrizione
L’11 gennaio 2016 nella sala dei Gruppi Parlamentari della Camera si è svolta un’affollata assemblea convocata dal «Comitato per il NO nel referendum sulle modifiche della Costituzione» per esporre le ragioni della contrarietà ai contenuti di questa legge. Il Comitato per il NO è stato costituito prima della conclusione dell’iter parlamentare della legge, che avverrà nel mese di aprile con l’ultima lettura da parte della Camera. Si è tentato di ottenere almeno modifiche indispensabili degli aspetti più controversi, ma l’opposizione del Governo a qualsiasi cambiamento non lo ha reso possibile. Ad aprile, dopo la sua definitiva approvazione, il testo della legge verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ma non entrerà in vigore fino a quando ci sarà l’esito del referendum, ricorrendo i casi previsti dall’art. 138 della Costituzione. Il Governo ha voluto far credere che il referendum sia una sua gentile concessione, ma non è così. È la Costituzione che ne prevede la possibilità quando, al secondo passaggio, l’approvazione delle leggi costituzionali avviene con meno dei due terzi dei voti in almeno un ramo del Parlamento, come appunto si è già verificato al Senato. Questo volume, raccogliendo gli interventi all’assemblea dell’11 gennaio, si propone di far conoscere le ragioni che il Comitato ha messo in campo e che costituiranno la base per motivare la raccolta delle 500.000 firme necessarie per il referendum e, nel corso della campagna elettorale, per convincere le elettrici e gli elettori a respingere le inaccettabili modifiche apportate alla Costituzione. E a votare quindi NO nel referendum costituzionale che avrà luogo nell’autunno del 2016. Contributi di: Gaetano Azzariti, Felice C. Besostri, Lorenza Carlassare, Gianni Ferrara, Domenico Gallo, Alfiero Grandi, Alessandro Pace, Stefano Rodotà, Massimo Villone, Gustavo Zagrebelsky