Commercio resiliente
Il mercato di Raibetta nel cuore di Genova tra precarietà e legittimità sociale
«Con la crisi che c'è in giro, chi non ha 100 euro per comprarsi un paio di scarpe viene qua e le prende usate a 10»
Pubb. : Settembre 2016
160 pag
ISBN: 978-88-230-2038-2
Collana: Materiali
Descrizione
Un mercato clandestino, dove immigrati rivendono cose di seconda mano e provenienti da circuiti informali su lenzuola stese a terra, si sviluppa da vent’anni nel cuore della città di Genova a due passi dal Porto antico. Oggetto di vessazioni e sequestri continui, il mercato è stato mal tollerato con un’escalation di xenofobia e attacchi politici che lo hanno fatto sparire agli occhi dei genovesi nell’aprile 2015, alla vigilia delle elezioni regionali, vinte poi dal centro-destra. Nell’autunno 2015 il Comune di Genova ha quindi promosso un progetto di mediazione dal nome «Chance» che ha portato all’emersione di un gruppo di emigrati con una nuova collocazione sotto le mura di Sarzano, a duecento metri dai luoghi scelti in passato, ma una parte del vecchio mercato resiste di notte nei portici di Sottoripa. L’inchiesta di tipo etnografico tra gli immigrati trovarobe racconta i percorsi a caccia di oggetti, la percezione della discriminazione di questo lavoro che diventa spesso camera di compensazione in periodi di disoccupazione. Le parole degli altri attori coinvolti (abitanti, commercianti, amministrazione e polizia) ci interrogano sulle dinamiche migratorie, sulla precarietà del mondo del lavoro in Italia, sul diritto all’utilizzo delle città da parte di nuovi e vecchi abitanti e sulle nuove povertà.