carrello
notiziario
rgl
home page

le ultime sentenze pubblicate

cassazione, N.262-12 Gennaio 2015

(cassazione
N:262 - 12 Gennaio 2015)

ord. – Pres. Curzio, Est. Marotta – M.Y. (avv.ti Pau, Meloni) c. Meridiana Fly Spa (avv.ti Boursier Nitta, De Luca Tamajo). Cassa con rinvio Corte d’Appello di Cagliari, Sez. dist. di Sassari, 16 ot- tobre 2012.

Note: L’indennità «onnicomprensiva» ex art. 32, comma 5, della legge n. 183/2010: i confini del danno risarcibile

Contratto a termine – Illegittima reiterazione – Clausola nulla – Inden- nizzo forfettario – Natura omnicomprensiva – Periodi non lavorati – Anzianità di servizio.

Nel caso di trasformazione in un unico rapporto di lavoro a tempo indeter- minato di una successione di contratti a tempo determinato, per effetto dell’ille- gittima apposizione del termine, l’indennità risarcitoria dovuta ai sensi dell’art. 32, comma 5, della legge 4 novembre 2010, n. 183, ristora per intero il pregiu- dizio subìto dal lavoratore, comprendendo tutti i danni – retributivi e contri- butivi – causati dalla perdita del lavoro, con riferimento agli «intervalli non la- vorati» fra l’uno e l’altro rapporto a termine. I «periodi lavorati» in forza dei reiterati contratti a tempo determinato, poi inseriti nell’unico rapporto a tempo indeterminato accertato dal giudice, fanno parte dell’anzianità lavorativa e con- tributiva riconosciuta al lavoratore e devono essere considerati
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale Bari, N.-12 Gennaio 2015

(Tribunale Bari
N: - 12 Gennaio 2015)

ord. – Est. Tarantino – M.L. (avv. Roscano) c. B. Spa (avv. Aresta).

Note: La «prima» della Cassazione su licenziamento disciplinare e «insussistenza del fatto» nella legge n. 92/2012: rilievi critici

Licenziamento individuale – Art. 18, commi 4 e 5, Stat. lav., come mo- dificati dalla legge n. 92/2012 – Fatto materiale e fatto giuridico – Tutela reale e tutela obbligatoria – Proporzionalità.

La reintegrazione ai sensi dell’art. 18, comma 4, Stat. lav., deve essere dispo- sta anche quando l’«insussistenza» riguarda soltanto alcuni elementi del fatto contestato (effettivamente verificatosi per il resto) che siano ritenuti essenziali ai fini della configurazione della giusta causa o del giustificato motivo soggettivo di licenziamento.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale Bari ord., N.13915-12 Gennaio 2015

(Tribunale Bari ord.
N:13915 - 12 Gennaio 2015)

Est. Tarantino – M.L. (avv. Roscano) c. B. Spa (avv. Aresta).

Note: La «prima» della Cassazione su licenziamento disciplinare e «insussistenza del fatto» nella legge n. 92/2012: rilievi critici
Parole chiave: licenzimento :: individuale :: fatto :: materiale :: giuridico :: tutela :: reale :: obbligatoria ::

Licenziamento individuale – Art. 18, commi 4 e 5, Stat. lav., come modificati dalla legge n. 92/2012 – Fatto materiale e fatto giuridico – Tutela reale e tutela obbligatoria – Proporzionalità.

La reintegrazione ai sensi dell’art. 18, c. 4, Stat., deve essere disposta anche quando l’«insussistenza» riguarda soltanto alcuni elementi del fatto contestato (effettivamente verificatosi per il resto) che siano ritenuti essenziali ai fini della configurazione della giusta causa o del giustificato motivo soggettivo di licenziamento
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

c, N.62-8 Gennaio 2015

(c
N:62 - 8 Gennaio 2015)

Pres. Stile, Est. Manna, P.M. Mastroberardino (diff.) – M.F. (avv. Notarianni) c. Rfi Spa (avv. Maresca, Saccà). Cassa Corte d’Appello di Messina, 16 luglio 2010, n. 1065.

Note: Direttiva n. 99/70 e acausalità del contratto a termine: la promozione (con riserva) della legge italiana sul lavoro marittimo
Parole chiave: contratto a termine ::

Contratto a termine – Lavoro marittimo – Direttiva n. 99/70 – Abuso successione contratti – Frode alla legge

Nell’ambito di un contratto di arruolamento a tempo determinato, anche la presenza di una normativa astrattamente idonea a prevenire abusi ai sensi della Direttiva n. 99/70, come l’art. 326 cod. nav., non esclude che, in concreto, ricorra un esercizio della facoltà di assumere a tempo determinato tale da integrare la frode alla legge sanzionabile ex art. 1344 cod. civ. Questa ipotesi deve essere esaminata caso per caso, con apprezzamento – riservato al giudice di merito – del numero dei contratti di lavoro a tempo determinato, dell’arco temporale complessivo in cui si sono succeduti e di ogni altra circostanza fattuale emersa in atti.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa