carrello
notiziario
rgl
home page

le ultime sentenze pubblicate

Corte di Giustizia, N.C-267/12-12 Dicembre 2013

(Corte di Giustizia
N:C-267/12 - 12 Dicembre 2013)

Sezione Quinta – Pres. von Danwitz, Avv. Gen. Jääskinen – F. Hay (avv. Lamamra) c. Crédit agricole mutuel de Charente-Maritime et des Deux-Sèvres (avv. Gatineau).

Note: Il caso Hay e la Corte di giustizia: una nuova dottrina contro la discriminazione delle coppie omosessuali
Parole chiave: discriminazioni :: coppie omosessuali ::

Discriminazioni – Art. 2, paragrafo 2, lettera a, Direttiva n. 2000/78/Ce – Divieto di discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale – Contratto collettivo che riserva un beneficio ai dipendenti che contraggano matrimonio – Esclusione dei lavoratori omossessuali uniti in patto civile di solidarietà – Illegittimità.

L’art. 2, par. 2, lett. a, Dir. 2000/78/Ce, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che esso osta a una disposizione di un contratto collettivo a termini della quale a un lavoratore dipendente unito in un patto civile di solidarietà con una persona del medesimo sesso sono negati benefìci, segnatamente giorni di congedo straordinario e premio stipendiale, concessi ai dipendenti in occasione del loro matrimonio, quando la normativa nazionale dello Stato membro interessato non consente alle persone del medesimo sesso di sposarsi, allorché, alla luce della finalità e dei presupposti di concessione di tali benefìci, detto lavoratore che contragga matrimonio.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.27277-5 Dicembre 2013

(Cassazione
N:27277 - 5 Dicembre 2013)

Sez. lav. – Pres. Vidiri, Est. Napoletano, P.M. Servello (diff.) – B.R. + altri (avv.ti Mottalini, Sinibaldi, Medina) c. Saipem Spa (avv. Morrico) e Ghizzoni Spa. Conf. Corte d’Appello Milano, 6 novembre 2009.

Note: La cessione di ramo d’azienda con lavoratori in Cigs non costituisce frode alla legge
Parole chiave: Trasferimento di azienda ::

Trasferimento di azienda – Art. 2112 cod. civ. – Ramo autonomo – Contratto in frode alla legge – Insussistente – Estremi

Il ricorso alla cessione del ramo di azienda successivo a vari tentativi di aprire procedure dì mobilità, anche comportanti periodi di Cigs, rappresenta una soluzione alternativa, consentita dalla legge n. 223 del 1991, per far fronte alla crisi e non configura la fattispecie di contratto in frode alla legge
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Cassazione, N.26951-2 Dicembre 2013

(Corte di Cassazione
N:26951 - 2 Dicembre 2013)

Pres. Roselli, Est. Venuti, P.M. Fresa (conf.) – Azienda sanitaria Regione Umbria Usl (Omissis) (avv.ti Caldara, Zingarelli) c. P.M. (avv.ti Riommi, Falla Trella).

Note: Impiego pubblico violazione delle regole su lavoro a termine, adeguatezza delle sanzioni.Spunti recenti dalla Corte di Giustizia
Parole chiave: contratto a termine ::

Contratto a termine – Assunzione a termine nel pubblico impiego privatizzato – Violazione delle disposizioni in materia di contratto di lavoro a termine – Diritto alla costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato – Non sussiste – Diritto al risarcimento del danno – Sussiste. Contratto a termine – Lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche – Violazione delle disposizioni in materia di contratto di lavoro a termine – Riconoscimento del solo risarcimento del danno – Carattere speciale del regime sanzionatorio – Adeguatezza rispetto alle previsioni della Direttiva n. 1999/70/Ce – Sussiste.

Nell’ipotesi di assunzioni a termine nel pubblico impiego privatizzato, il d.lgs. n. 80/1998, art. 36, comma 8, applicabile ratione temporis alla fattispecie in esame, successivamente riprodotto negli stessi termini dal d.lgs. n. 165/2001, art. 36, comma 5, nel disporre che la violazione di disposizioni imperative riguardanti l’assunzione o l’impiego di lavoratori, da parte delle pubbliche amministrazioni, non può comportare la costituzione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, riconosce al lavoratore interessato il diritto al risarcimento del danno derivante dalla prestazione di lavoro in violazione di norme imperative; principio correttamente applicato dal giudice di merito (che ha attribuito il risarcimento del danno nella misura di dieci mensilità di retribuzione).
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.26143-21 Novembre 2013

(Cassazione
N:26143 - 21 Novembre 2013)

Sez. lav. – Pres. Miani Canevari, Est. Berrino, P.M. Servello (conf.) – K.S. (avv.ti Palumbo, Abate) c. Azienda ospedaliera Ordine mauriziano di Torino (avv.ti Vesci, Pacchiana Parravicini). Conf. Corte d’Appello Torino, 18 ottobre 2010.

Note: La registrazione occulta delle conversazioni dei colleghi costituisce giusta causa di licenziamento
Parole chiave: Licenziamento individuale ::

Licenziamento individuale – Mobbing e licenziamento per mancata prova – Diritto alla riservatezza e diritto di difesa – Contemperamento degli opposti interessi e adozione del cd. «criterio della gerarchia mobile».

Il venir meno del rapporto fiduciario tra prestatore e datore di lavoro per la violazione del diritto alla riservatezza dei colleghi, nonché la mancanza di collaborazione creatasi all’interno dell’équipe medica di cui il lavoratore fa parte, sono motivazioni sufficienti a giustificare il licenziamento individuale. (1)
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa