carrello
notiziario
rgl
home page

licenziamento collettivo

Cassazione, N.4678-9 Marzo 2015

(Cassazione
N:4678 - 9 Marzo 2015)

Pres. Macioce, Est. Patti, P.M. Finocchi Ghersi (conf.) – Belle Epoque Srl (avv.ti Pecoraro, Travostino) c. D.S.A. (avv. Gliozzi). Conf. Corte d’Appello Torino, 22 settembre 2008

Note: La determinazione dell’ambito di comparazione nei licenziamenti collettivi: luci e ombre di un orientamento consolidato
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Applicazione dei criteri di scelta – Obblighi di comunicazione – Individuazione dell’ambito di comparazione tra i lavoratori.

In tema di licenziamento collettivo per riduzione di personale, le esigenze tecnico-produttive e organizzative previste dall’art. 5, comma 1, della legge n. 223/1991, in riferimento al complesso aziendale, determinano l’ambito di selezione del personale eccedente e possono costituire criterio esclusivo nell’individuazione della platea dei lavoratori da licenziare. Qualora il progetto di ristrutturazione si riferisca a una sola unità produttiva, il datore di lavoro dovrà indicare nella comunicazione di cui all’art. 4, comma 3, legge n. 223/1991, sia le ragioni che limitino i licenziamenti ai dipendenti dell’unità o settore in questione, sia le ragioni per cui non ritenga di ovviare ad alcuni licenziamenti con il trasferimento a unità produttive geograficamente vicine
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.16000-14 Luglio 2006

(Cassazione
N:16000 - 14 Luglio 2006)

Sez. lav. – Pres. Sciarelli, Est. Cuoco, P.M. Abbritti (concl. conf.) – G. R. (avv. Ferri) c. Rome American Hospital Spa (avv.ti Cerroni e Bertucci). Conf. Trib. Roma del 10 gennaio 2003.

Note: Ancora sull’ambito di riferimento del licenziamento collettivo
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Ambito di riferimento – Reparto – Ammissibilità.

In caso di licenziamento collettivo, l’applicazione dei criteri di scelta, dettati dall’art. 5 della legge n. 223 del 1991, non deve necessariamente interessare l’intera azienda, ma può avvenire nell’ambito della singola unità produttiva o del settore interessato alla ristrutturazione qualora la predeterminazione del campo di selezione non sia il frutto di una determinazione unilaterale del datore di lavoro ma sia giustificata dalle esigenze tecnico-produttive e organizzative che hanno dato luogo alla riduzione del personale. (1)
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Cassazione, N.13381-23 Mag 2008

(Corte di Cassazione
N:13381 - 23 Mag 2008)

Sez. lav. – Pres. Mattone, Rel. Consigliere Picone, P.M. Riello – R. G. (avv.ti D’Angelo e Poto) c. Ideal Standard – Divisione American Standard Italia Srl (avv. Scocozza). Conf. App. Salerno 19 maggio 2004.

Note: Sulla comunicazione dei criteri di scelta alle rsa

Licenziamento collettivo – Informazione e consultazione dei sindacati – Irrituale – Inefficacia dei licenziamenti – Esclusione

In tema di licenziamento collettivo, nel caso in cui venga disposta la chiusura di un settore o ramo d’azienda, la mancata indicazione da parte del datore di lavoro, nella comunicazione resa alle organizzazioni sindacali ai sensi dell’art. 4, legge n. 223 del 1991, delle ragioni che non hanno consentito l’adozione di misure alternative al recesso, non comporta l’inefficacia dei licenziamenti. (Massima non ufficiale)
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di cassazione, N.22655-11 Dicembre 2012

(Corte di cassazione
N:22655 - 11 Dicembre 2012)

Sez. lav. – Pres. Vidiri, Est. Ianniello, P.M. Romano (conf.) – Società B.A. (avv. Pepe) c. O.G. (avv. Panici). Conf. Corte d’Appello Milano, 30 luglio 2007

Note: L’obbligo informativo nei licenziamenti collettivi limitati a un ramo di azienda
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Criteri di scelta – Riferimento all’unità produttiva o a uno specifico settore dell’azienda – Ammissibilità – Condizioni – Indicazioni delle ragioni ostative al trasferimento dei dipendenti ad altra unità – Necessità.

In tema di licenziamento collettivo per riduzione di personale, qualora il progetto di ristrutturazione aziendale si riferisca in modo esclusivo a un’unità produttiva dell’azienda, la platea dei lavoratori interessati può essere limitata agli addetti a tale unità sulla base di oggettive esigenze aziendali e il datore di lavoro deve indicare nella comunicazione ex art. 4, comma 3, della legge n. 223 del 1991 sia le ragioni alla base della limitazione dei licenziamenti ai dipendenti dell’unità o settore in questione, sia le ragioni per cui non ritiene di ovviare ad alcuni licenziamenti con il trasferimento a unità produttive geograficamente vicine a quella soppressa o ridotta, onde consentire alle organizzazioni sindacali di verificare l’effettiva necessità
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Cassazione, N.25353-2 Dicembre 2009

(Corte di Cassazione
N:25353 - 2 Dicembre 2009)

Sez. lav. – Pres. Vidiri, Est. Picone, P.M. Matera (conf.) – Comp. Internaz. Carrozze Letti Turismo Sa (avv. Vesci) c. Z. C. (avv. Lacagnina). Conf. Corte d’Appello Roma, 26 luglio 2005.

Note: Licenziamento collettivo e ambito aziendale interessato
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Criteri di scelta – Applicazione con riferimento all’unità produttiva o a uno specifico settore dell’azienda – Ammissibilità – Condizioni – Onere probatorio

In tema di licenziamento collettivo per riduzione di personale la platea dei lavoratori interessati può essere limitata agli addetti a un determinato reparto o settore ove ricorrano, in relazione al progetto di ristrutturazione aziendale, oggettive esigenze tecnico-produttive, restando onere del datore di lavoro provare il fatto che giustifica il più ristretto ambito nel quale la scelta è stata effettuata. Ne consegue che non può essere ritenuta legittima la scelta dei lavoratori solo perché impiegati nel reparto lavorativo soppresso o ridotto, trascurando il possesso di professionalità equivalente a quella di addetti ad altre realtà organizzative
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.3045-6 Febbraio 2017

(Cassazione
N:3045 - 6 Febbraio 2017)

Note:
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale Modena, N.737-26 Febbraio 2010

(Tribunale Modena
N:737 - 26 Febbraio 2010)

Est. Ponterio – F. D., G. M., M. E., R. A. (avv. Bertoni) c. Biztiles Italia Spa e c. Gruppo Ceramiche Ricchetti Spa (avv.ti Borsari e D’Incerti).

Note: Ambito di applicazione dei criteri di scelta e infungibilità della posizione del lavoratore nelle procedure di mobilità

Licenziamenti collettivi – Licenziamenti collettivi conseguenti a cessazione di attività – Riduzione e criteri di scelta del personale – Limitazione della scelta alla sola unità produttiva interessata dalla riduzione o cessazione dell’attività – Comparazione dei lavoratori aventi professionalità fungibili – Necessità.

Nell’ambito delle procedure di mobilità, ove la ristrutturazione o la soppressione sia limitata a un settore dell’azienda ma non esaurisca in esso i suoi effetti, per la mancanza di autonomia di tale settore e per la presenza in esso di professionalità fungibili e suscettibili di passaggio al settore mantenuto in attività, non solo l’ambito della scelta dei lavoratori da licenziare deve investire l’intero complesso aziendale, ma, ancor prima, la comunicazione ex art. 4, comma 3, legge n. 223/91, deve contenere l’indicazione delle ragioni che rendono impraticabili misure diverse dai programmati licenziamenti misure diverse dai programmati licenziamenti.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Cassazione, N.528-11 Gennaio 2008

(Corte di Cassazione
N:528 - 11 Gennaio 2008)

Sez. lav. – Pres. De Luca, Est. Vidiri, P.M. Salvi – Soc. Varta Batterie (avv.ti Magrini, Damoli e Pisa) c. S. M. G. (avv. Panici). Diff. Corte d’Appello Venezia 12 febbraio 2004.

Note: Sull’efficacia sanante delle irregolarità della procedura in caso di accordo delle organizzazioni sindacali

Licenziamento collettivo – Procedimento – Incompletezza delle comunicazioni prescritte per l’avvio della procedura di mobilità – Stipula di accordi sindacali – Effetti.

In ragione del fine delle informative sulla procedura di mobilità, che è quello di favorire la gestione contrattata della crisi, la circostanza che sia stato in concreto raggiunto tale fine, per essere stato stipulato un accordo con le organizzazioni sindacali, assume rilevanza nel giudizio di completezza della comunicazione di cui all’art. 4, comma 3, legge n. 223 del 1991. Eventuali insufficienze o inadempienze informative possono, in ogni caso, essere fatte valere dalle organizzazioni sindacali e non dai singoli lavoratori, salvo che questi ultimi dimostrino la idoneità in concreto di siffatte informative a fuorviare o ledere l’esercizio dei poteri di controllo preventivo attribuiti alle organizzazioni sindacali, con ricadute a essi lavoratori pregiudizievoli. (1)
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.25310-11 Novembre 2013

(Cassazione
N:25310 - 11 Novembre 2013)

Sez. lav. – Pres. Stile, Est. Tria, P.M. Romano – Sielte Spa (avv. Landi) c. S.M. (avv. Tedeschi). Conf. Corte d’Appello L’Aquila, 29 novembre 2010

Note: Licenziamento collettivo, procedimentalizzazione dei poteri datoriali e ambito di applicazione dei criteri di scelta
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Criteri di scelta – Restrizione al personale di un’unità o di un settore aziendale – Legittimità – Condizioni – Obbligo datoriale di motivazione – Comunicazione iniziale – Comparazione per l’avvio alla mobilità – Insussistenza

Ai fini della determinazione dell’ambito di attuazione del licenziamento e dell’individuazione dei lavoratori da licenziare deve tenersi conto di tutti i lavoratori dell’azienda. Sicché non può valere a ridurre il numero dei soggetti da valutare comparativamente il mero ridimensionamento (o la stessa soppressione) di un reparto, potendo la riduzione del personale essere limitata agli addetti a tale reparto solo allorquando sia costoro, sia gli addetti ai restanti reparti siano portatori di specifiche professionalità non omogenee, che ne rendano impraticabile in radice qualsiasi comparazione
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Cassazione, N.2782-6 Febbraio 2008

(Corte di Cassazione
N:2782 - 6 Febbraio 2008)

Sez. Lav. - Pres. Senese, Est. Celentano, P.M. Patrone – Soc. Costr. G. (avv. Pepe) c. B. (avv. Bernetti). Conf. Corte d’Appello Roma, 30 settembre 2005.

Note: Fine lavoro nelle costruzioni edili e licenziamenti collettivi
Parole chiave: licenziamento collettivo ::

Licenziamento collettivo – Licenziamento per fine lavoro nelle costruzioni edili – Attività esentate dalle procedure sindacali previste dall’art. 24, legge n. 223/1991 – Fase lavorativa – Nozione – Graduale esaurimento della fase lavorativa – Rilevanza – Applicazione della procedura sindacale prevista per i licenziamenti collettivi.

La esclusione dell’obbligo di osservare le procedure dettate per i licenziamenti collettivi prevista dall’art. 24, comma 4, della legge 23 luglio 1991, n. 223, fra l’altro, per la fine lavoro nelle costruzioni edili, motivata dalla impossibilità assoluta di una ulteriore utilizzazione dei lavoratori destinatari dei provvedimenti di recesso, opera anche nel caso di esaurimento di una singola fase di lavoro, che abbia richiesto specifiche professionalità, non utilizzabili successivamente; non opera, invece, quando la fase lavorativa non sia ultimata, ma sia in corso di graduale esaurimento, atteso che in tal caso si rende necessaria una scelta fra lavoratori da licenziare e lavoratori da adibire alla ultimazione dei lavori.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa