giurisprudenza

La giurisprudenza della Corte di Giustizia sui contratti di lavoro a termine e il suo rilievo per l’ordinamento italiano

Articolo scritto da: DonataGottardi

1. Le prime decisioni. La clausola di non regresso e l’inizio di attenzione per il settore pubblico. — 2. La a-causalità del primo e/o unico contratto a termine e le sue ricadute sulla parità di trattamento. — 3. Le specificità del settore pubblico. — 4. La sanzione della trasformazione in contratto «stabile». — 5. Il ruolo del giudice nazionale. — 6. La disapplicazione della normativa nazionale contrastante. — 7. Il principio di parità di trattamento tra lavoratori comparabili. — 8. La giustiziabilità. — 9. Ancora alcuni altri ambiti specifici. — 10. Il dialogo tra le Corti.

Il rito Fornero nella giurisprudenza: aggiornamento

Articolo scritto da: Domenico Dalfino

1. Premessa e punti fermi. — 2. Questioni interpretative vecchie e nuove. — 3. La tesi dell’obbligatorietà specifica del rito. — 4. Ambito di applicazione. — 5. L’inammissibilità delle domande diverse dall’impugnativa del licenziamento e il mutamento di rito. — 6. La coincidenza o non tra giudice della fase sommaria e giudice dell’opposizione. — 7. La persistente operatività della tutela cautelare. — 8. Il giudizio di «reclamo».

Sulla responsabilità solidale del committente in relazione agli obblighi contributivi dell'appaltatore.

Articolo scritto da: Carla D'Aloisio

Le sentenze, che concernono tutte la risoluzione di controversie aventi ad oggetto l’obbligazione del committente di pagamento dei contributi previdenziali ed assicurativi in favore dei lavoratori impiegati nell’esecuzione dei lavori, oggetto di appalto, sono caratterizzate da un comune denominatore, un contrasto interpretativo circa l’àmbito di estensione della responsabilità del committente, in relazione agli obblighi contributivi dell’appaltatore, e le azioni che lo stesso può esercitare per recuperare quanto versato per l’adempimento dell’obbligazione del datore di lavoro.

Corte d'Appello di Genova, N.-13 Giugno 2012

(Corte d'Appello di Genova
N: - 13 Giugno 2012)

Pres. ed Est. Ghinoy – T. Spa (avv.ti Battaglia, C. e A. Paroletti) c. Inps (avv. Lo Scalzo) +1

Note: Sulla responsabilità solidale del committente in relazione agli obblighi contributivi dell'appaltatore.

Appalto – Appalto di servizi – Responsabilità solidale del committente – Pagamento del trattamento di fine rapporto ai dipendenti dell’appaltatore – Diritto del committente di chiedere al Fondo di garanzia il rimborso di quanto erogato – Esclusione.

Il committente che ha erogato ai dipendenti dell’appaltatore – ai sensi dell’art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276/2003 – le quote di trattamento di fine rapporto maturate nel corso dell’appalto non può surrogarsi nel diritto che questi ultimi vantavano nei confronti del Fondo di garanzia, che, avendo l’unica funzione di garantire i lavoratori, non può intervenire in favore di terzi.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale di Torino, N.-18 Ottobre 2012

(Tribunale di Torino
N: - 18 Ottobre 2012)

Est. Fierro – F. Snc (avv.ti Grosso, Oliva) c. Inps (avv. Ollà) +1.

Note: Sulla responsabilità solidale del committente in relazione agli obblighi contributivi dell'appaltatore.

Appalto – Appalto di servizi – Responsabilità solidale del committente – Pagamento del trattamento di fine rapporto ai dipendenti dell’appaltatore – Diritto del committente di chiedere al Fondo di garanzia il rimborso di quanto erogato – Esclusione.

Il committente che ha erogato ai dipendenti dell’appaltatore – ai sensi dell’art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276/2003 – le quote di trattamento di fine rapporto maturate nel corso dell’appalto non può surrogarsi nel diritto che questi ultimi vantavano nei confronti del Fondo di garanzia, che, avendo l’unica funzione di garantire i lavoratori, non può intervenire in favore di terzi.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale di Parma, N.-25 Settembre 2012

(Tribunale di Parma
N: - 25 Settembre 2012)

Est. Pascarelli – L.S. Spa (avv. Ziveri) c. Inps (avv.ti Manzi, Giroldi) +1.

Note: Sulla responsabilità solidale del committente in relazione agli obblighi contributivi dell'appaltatore.

Appalto – Appalto di servizi – Responsabilità solidale del committente – Obbligazione prima della legge n. 35/2012 – Estensione dell’obbligo alle sanzioni.

Il vincolo solidale del committente ai sensi dell’art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276/2003, come modificato, prima, dall’art. 6, d.lgs. n. 251/2004 e, poi, dall’art. 1, comma 911, legge n. 296/2006, si estende, per effetto diretto della legge, fino a ricomprendere le sanzioni civili.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale di Forlì, N.-11 Novembre 2011

(Tribunale di Forlì
N: - 11 Novembre 2011)

Est. Angelini Chesi – Soc. C.A. Spa (avv.ti Foschi, Fanfani) c. Inps (avv.ti Vestini, Ciarelli) +2

Note: Sulla responsabilità solidale del committente in relazione agli obblighi contributivi dell'appaltatore.

Appalto – Appalto di servizi – Responsabilità solidale del committente – Decadenza dall’esercizio dell’azione – Inapplicabilità della decadenza agli enti previdenziali

Gli enti previdenziali, anche dopo la conclusione dell’appalto, devono agire nei confronti del committente – ai sensi dell’art. 29, comma 2, d.lgs. n. 276/2003 – entro il termine di prescrizione, applicandosi il termine di decadenza di due anni solo ai lavoratori.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Profili giurisprudenziali del lavoro nero

Articolo scritto da: Domenico Garofalo

L'autore si sofferma sui principali profili che emergono nelle controversie instaurate dai lavoratori coinvolti, come la difficoltà probatoria in ordine alla sussistenza del rapporto di lavoro, il regime prescrizionale e la posizione contributiva La riflessione si conclude sul diverso e dilagante fenomeno del lavoro irregolare non imposto, bensì "preteso” da quei lavoratori che concorrono in maniera attiva a a determinare la propria condizione di irregolarità onde incrementare il salario di fatto, evadendo contributi e prelievo fiscale, interrogandosi sui rimedi per contrastastare il fenomeno

Società a capitale pubblico, reinternalizzazioni e tipologie flessibili di manodopera

Articolo scritto da: Enrico Raimondi

Con le decisioni in rassegna,la Corte Costituzionale ha negato la possibilità di qualificare in senso pubblicistico le società a capitale interamente pubblico,così come la Corte di Cassazione.Tuttavia,la medesima Corte ha ritenuto di rimettere alla Sezioni Unite la questione se sia possibile convertire a tempo indeterminato un rapporto a termine concluso da una società partecipata,in presenza di una normativa che imponga ad essa il rispetto del principio del concorso pubblico per le assunzioni. Sul punto,infatti,discordanti sono gli orientamenti che si registrano nella giurisprudenza di merito

Amianto: nella torre di Babele della decadenza previdenziale

Articolo scritto da: Roberto Riverso

Come la torre di Babele, la questione della decadenza per i «benefìci previdenziali» amianto è stata resa, forse non per caso, illeggibile e incomprensibile. Si potrebbero scrivere alcuni volumi per ricordare le affermazioni fatte, ora in un senso ora in un altro, dai vari giudici; ma, per lo più, sempre in funzione della restrizione e dell’ostacolo all’esercizio del buon diritto riconosciuto dall’ordinamento ai lavoratori esposti. Alcuni punti fermi, descritti in questo saggio, possono essere tenuti presenti per orientarsi nella questione

Accordi e disaccordi sulle conseguenze risarcitorie dell’abuso del contratto a termine nel settore privato

Articolo scritto da: Veronica Papa

Il s. analizza il dibattito sviluppatosi su art. 32, co. 5, l. 183/2010, in merito a indennità onnicomprensiva per le ipotesi di conversione del contratto di lavoro a termine. L’indagine ha ad oggetto, da un lato, i contrasti giurisprudenziali su significato e portata dell’onnicomprensività sancita dal legislatore, dall’altro, i profili di sospetta (in)compatibilità della forfetizzazione delle conseguenze risarcitorie derivanti dall’abuso del contratto a termine della prevista applicabilità retroattiva del risarcimento onnicomprensivo a forfait con molteplici disposizioni e giurisprudenza ue.

La riforma del licenziamento individuale tra law and economics e giurisprudenza (Parte I)

Articolo scritto da: Valerio Speziale

Il saggio analizza la «colonizzazione» del diritto del lavoro da parte dell’Economia. Tutte le riforme in materia di lavoro sono giustificate dal raggiungimento di obiettivi economici (efficienza, crescita dei livelli occupazionali, competitività dell’impresa), senza considerare la specifica «essenza » di questo diritto (la protezione del lavoratore e la garanzia dei suoi diritti fondamentali). Lo studio analizza quindi la giurisprudenza sui licenziamenti individuali dopo la riforma introdotta nel 2012.

La ricerca del datore di lavoro nell’impresa di gruppo: la codatorialità al vaglio della giurisprudenza

Articolo scritto da: Maria Giovanna Greco

La giurisprudenza che si è occupata dell’individuazione del datore di lavoro effettivo nel gruppo di imprese ha raggiunto un orientamento consolidato e condiviso in riferimento alle frammentazioni fraudolente delle attività produttive. Con riferimento ai gruppi genuini, la ricerca del datore di lavoro è realizzata con tecniche argomentative diverse e solo in poche sentenze si fa riferimento al rapporto di lavoro come obbligazione soggettivamente complessa che vede, a fronte di un’unica prestazione resa a favore di più soggetti, una pluralità di datori di lavoro.

La Corte Costituzionale. Le decisioni nel trimestre aprile-giugno 2012. Rapporto di lavoro

Articolo scritto da: MassimoPallini

Illegittimità della riserva al personale interno delle p.a. oltre il 50% dei posti disponibili per ogni qualifica. Legittimità degli speciali criteri di computo dell’indennità di fine servizio per i direttori Asl. Illegittimità della l.r. che vieta la conservazione dell’orario p.t. al personale della P.m. Legittimità della scelta di delegificazione di istituti della disciplina del p.i. da parte del legislatore nazionale per aspetti relativi alla sua competenza legislativa esclusiva. Legittimità del sopravvenuto diniego per i dipendenti pubblici p.t. di esercitare la professione di avvocato.