corte di cassazione

Distacco dei lavoratori in Italia e disciplina previdenziale applicabile

Articolo scritto da: Simona Vlad Ciubotariu

A pochi mesi di distanza una dall’altra le sentenze offrono due spunti di riflessione interessantissimi anche nel quadro del processo di armonizzazione del diritto dell’Unione Europea. In mancanza di accordi bilaterali tra Italia ed uno Stato extracomunitario, nel caso di impiego di lavoratori stranieri extracomunitari distaccati in Italia alle dipendenze di una collegata società italiana, quest’ultima è tenuta ai relativi obblighi contributivi previdenziali ed assistenziali in base al principio della territorialità a prescindere dal fatto che gli stessi lavoratori sono senza cittadinanza ital

Corte di Cassazione, sezione lavoro, N.16244-25 Settembre 2012

(Corte di Cassazione, sezione lavoro
N:16244 - 25 Settembre 2012)

Pres. Miani Canevari, Est. Berrino, P.M. Romano – Inps (avv.ti Maritano, Coretti, Correra) c. V.C.I. (contumace). Cassa Corte d’Appello Firenze 20 novembre 2006.

Note: Distacco dei lavoratori in Italia e disciplina previdenziale applicabile

Distacco – Mobilità della manodopera – Lavoratori stranieri non comunitari – Obblighi retributivi e previdenziali – Assenza di convenzione bilaterale – Applicabilità del principio di territorialità.

In assenza di un accordo tra uno Stato membro dell’Ue e uno Stato non membro, nel caso di impiego di lavoratori stranieri non comunitari distaccati in Italia alle dipendenze di una collegata società italiana, quest’ultima è tenuta ai relativi obblighi contributivi previdenziali e assistenziali in base al principio della territorialità a prescindere dal fatto che gli stessi lavoratori siano sprovvisti della cittadinanza italiana.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Corte di Appello di Trieste, N.-8 Novembre 2012

(Corte di Appello di Trieste
N: - 8 Novembre 2012)

Pres. Pellegrini, Est. Benvegnu – L. (avv. Consoli) c. Inps (avv. Rando). Diff. Tribunale Trieste n. 10/2008.

Note: Distacco dei lavoratori in Italia e disciplina previdenziale applicabile
Parole chiave: sicurezza sociale ::

Distacco – Mobilità della manodopera – Obblighi retributivi e previdenziali a carico del datore di lavoro distaccante – Elemento della «stabile organizzazione» – Mancata estensione alla materia previdenziale – Onere della prova.

L’elemento della «stabile organizzazione» in Italia, utilizzato dalla normativa nazionale e internazionale relativamente alle imposte dirette e all’Iva, non si estende alla materia previdenziale.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Campi elettromagnetici e tumori professionali: Unione europea e Cassazione a confronto

Articolo scritto da: Davide Casale

La normativa europea sulla tutela dei lavoratori dall’esposizione ai campi elettromagnetici esclude espressamente dal proprio ambito d’applicazione la prevenzione degli eventuali effetti cancerogeni a lungo termine, in quanto ritenuti scientificamente non provati. Sembra così prevalere un’interpretazione riduttiva del principio di precauzione statuito nel Trattato sul funzionamento dell’Ue. La Cassazione viceversa ha recentemente riconosciuto (a fini previdenziali) un nesso di causalità tra tumore al capo e prolungata esposizione alle onde elettromagnetiche emesse dai telefoni cellulari

La Corte di Cassazione sezione lavoro anno 2011

Articolo scritto da: Fabrizio Miani Canevari

Lavoro autonomo e subordinato; Avviamento al lavoro; Contratti di lavoro; Interposizione e appalti; Controlli del datore di lavoro; Retribuzione e tempo di lavoro; Mansioni; Procedimento e sanzioni disciplinari; Garanzie dei lavoratori; Licenziamenti; Dimissione; Rinunce e transazioni; Prescrizione; Sciopero e condotta antisindacale.

La Corte di Cassazione, sezione lavoro, anno 2011

Articolo scritto da: Fabrizio Miani Canevari

Premessa. Tutela contro gli infortuni e le malattie professionali. Trattamenti per vecchiaia e invalidità. Trattamenti di riversibilità. Prestazioni previdenziali per i lavoratori agricoli. Trattamenti per disoccupazione, mobilità, lavori socialmente utili. Benefìci per esposizione all’amianto. Prestazioni assistenziali. Obblighi e benefìci contributivi. Indebito previdenziale.