condotta antisindacale

Crumiraggio interno e condotta antisindacale: variazioni sul tema

Articolo scritto da: Angelo Delogu

La sentenza commentata affronta il tema dei limiti entro cui è ammesso il crumiraggio indiretto interno, nel bilanciamento costituzionale tra iniziativa imprenditoriale e diritto di sciopero (artt. 40, 41, Cost.). Si chiarisce come il discrimine stia nel rispetto dell’art. 2013 cod. civ., come interpretato dalla giurisprudenza. Per cui se il datore di lavoro sostituisce gli scioperanti demansionando lavoratori di qualifica superiore determina, oltre alla lesione dell’interesse individuale, un’autonoma lesione all’intesse collettivo, che dà luogo ad una condotta antisindacale

Corte di cassazione, N.14157-12 Agosto 2012

(Corte di cassazione
N:14157 - 12 Agosto 2012)

Sez. lav. – Pres. De Luca, Est. Curzio, P.M. Apice (diff.) – Metro Italia Cash and carry Spa (avv.ti Celebrano, Olgiati, Trifirò, Beretta) c. Filcams Cgil (avv.ti Andreoni, Grandese). Conf. Corte d’Appello Venezia 4 aprile 2008.

Note: Crumiraggio interno e condotta antisindacale: variazioni sul tema

Condotta antisindacale – Sostituzione degli scioperanti – Crumiraggio interno – Limiti.

Il comportamento del datore di lavoro che sostituisce i lavoratori in sciopero con altri presenti sul posto di lavoro normalmente adibiti a mansioni superiori costituisce condotta antisindacale, indipendentemente dall’eventuale consenso dei lavoratori, salvo che le mansioni inferiori non costituiscano un elemento marginale e/o occasionale rispetto alle mansioni principali. La sostituzione è peraltro ammissibile nel rispetto dell’art. 2103 cod. civ.: con adibizione a mansioni equivalenti o superiori
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Attualità della condotta antisindacale e tempestività della proposizione dell’azione

Articolo scritto da: Mario Giovanni Garofalo

1. — La sentenza in commento (Cass., Sez. lav., 6 giugno 2005, n. 11741) consente, per la sua argomentazione ampia e accurata, qualche riflessione su un interessante problema: il requisito dell’attualità della condotta antisindacale in presenza di un considerevole lasso di tempo tra la condotta denunziata e la proposizione dell’azione. Il caso affrontato riguarda un’impresa giornalistica che effettua due licenziamenti e un trasferimento di sede di lavoro senza informarne preventivamente il comitato di redazione, secondo quanto prescritto dal contratto collettivo. ...

Cassazione, Sez. lav., N.11741-6 Giugno 2005

(Cassazione, Sez. lav.
N:11741 - 6 Giugno 2005)

Sez. lav. – Pres. Mileo, Est. Toffoli, P.M. Nardi (concl. Diff.) – Ass. Stampa romana (avv. Barone) c. Rai Radiotelevisione Italiana S.p.a. (avv. Scognamiglio e altri).

Note: Attualità della condotta antisindacale e tempestività della proposizione dell’azione
Parole chiave: condotta antisindacale ::

Lavoro subordinato – Associazioni sindacali – Sindacati (post-corporativi) – Libertà sindacale – Repressione della condotta antisindacale – Presupposti – Attualità della condotta o dei suoi effetti – Portata – Condizioni – Fondamento – Relativo accertamento da parte del giudice di merito – Censurabilità in Cassazione – Limiti – Fattispecie relativa a violazione di diritti di informazione del sindacato previsti dal c.c.n.l. dei giornalisti, prospettata in riferimento a licenziamenti per giusta causa. Lavoro subordinato – Associazioni sindacali – Sindacati (post-corporativi) – Libertà sindacale – Repressione della condotta antisindacale – Tutela ex art. 28 della legge n. 300 del 1970 – Legittimazione attiva delle associazioni sindacali ivi previste – Conseguenze – Intervento adesivo dipendente del singolo lavoratore – Configurabilità – Ricorso incidentale adesivo per Cassazione – Proposizione nei termini di cui agli artt. 370 e 371 cod. proc. civ. – Legittimità.

Requisito essenziale dell’azione di repressione della condotta antisindacale, di cui all’art. 28 della legge n. 300 del 1970, è l’attualità di tale condotta o il perdurare dei suoi effetti. Tale requisito – sulla base dell’interpretazione letterale e sistematica della suddetta norma, anche alla luce di quanto previsto in ordine alla legittimazione attiva in capo agli organismi locali delle associazioni sindacali nazionali, riconosciuta nell’interesse al ripristino nell’azienda dei diritti sindacali, nella completa autonomia rispetto alle azioni proponibili dai singoli lavoratori, e restando invece irrilevante la tendenza del procedimento all’emanazione di pronunce costitutive o di mero accertamento –...
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Comandata in caso di sciopero proclamato da una sola componente della Rsu

(Corte di Cassazione
26 Novembre 2007, n.24581)

Sez. lav. – Pres. Sciarelli, Est. Balletti – Syndial Spa (avv. Ciabattini) c. Cgil territoriale di Sassari, Filcea Cgil territoriale di Sassari (avv. Petrocelli). Cassa App. Sassari 24 giugno 2004.

Articolo scritto da: Anna Maria Grasso

Con la pronuncia in esame la Suprema Corte ritorna sulla questione dei limiti di legittimità dell’agire dell’imprenditore nel conflitto, e, in particolare, sul problema del rapporto tra tutela della libertà sindacale e del diritto di sciopero, da una parte, e tutela della libertà imprenditoriale, dall’altra. Quest’ultima, nel caso specifico, coinvolge anche il profilo della sicurezza dei lavoratori, oltre che quello della salvaguardia degli impianti.

Rappresentatività e comunicazioni sindacali nel trasferimento d’impresa: il contratto gestionale non basta

Articolo scritto da: Angelo Delogu

La decisione in commento si occupa degli obblighi di comunicazione ex art. 47, l. n. 428/1990 prima della modifica del d.lgs. n. 18/2001, ma nell’argomentazione affronta il tema dei soggetti legittimati a ricevere le comunicazioni anche nell’attuale disciplina del trasferimento d’azienda nonché a costituire Rsa ex art. 19 St. Lav. alla luce dei molteplici interventi della Corte Costituzionale. La Corte conferma l’orientamento che a tali fini occorra la sottoscrizione di un contatto collettivo ‘normativo’ mentre non è sufficiente la firma di contratti per adesione o di contratti gestionali.

Cassazione, N.21430-21 Ottobre 2015

(Cassazione
N:21430 - 21 Ottobre 2015)

Pres. Macioce, Est. Blasutto, P.M. Velardi (parz. diff.) – Città di Bari Hospital Spa (avv. Costantino) c. Fls e Cisal (avv. Germano). Cassa Corte d’Appello di Bari, 6.4.2009

Note: Rappresentatività e comunicazioni sindacali nel trasferimento d’impresa: il contratto gestionale non basta
Parole chiave: condotta antisindacale ::

Condotta antisindacale – Trasferimento di azienda – Informativa – Sindacati – Contratto collettivo – Contratto gestionale.

In tema di trasferimento d’azienda, sono destinatari della comunicazione ex art. 47, c. 1, l. n. 428 del 1990 (come modificata dal d.lgs. n. 18 del 2001), le Rsu, le Rsa costituite nelle unità produttive interessate dal trasferimento, nonché i sindacati di categoria che hanno stipulato (o partecipanti alle trattative relative a) un contratto collettivo «normativo» applicato nelle medesime unità produttive, ossia quel contratto che regola in modo organico i rapporti di lavoro, almeno per un settore o un istituto importante della loro disciplina, anche in via integrativa. Ai fini della predetta comunicazione (così come ai fini della costituzione di Rsa) non è sufficiente da parte del sindacato la sottoscrizione di un contratto esclusivamente «gestionale»
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Procedimento per la repressione antisindacale e processo del lavoro

Articolo scritto da: Enrico Raimondi

L'Autore affronta la tematica dell'esercizio dei poteri istruttori del giudice riconosciuti dall'art. 421 c.p.c. nell'ambito del procedimento sommario per la repressione della condotta antisindacale. In particolare, dopo aver tipicamente ricordato i principi espressi dalla giurisprudenza di legittimità con riferimento ai poteri istruttori del giudice nell'ambito del rito del lavoro, critica la sentenza esaminata in quanto attribuisce al magistrato investito della fase sommaria del procedimento poteri istruttori lesivi del principio del contraddittorio e del diritto di difesa.

Corte di cassazione, N.13780-23 Giugno 2011

(Corte di cassazione
N:13780 - 23 Giugno 2011)

Sez. lav. – Pres. Foglia, Est. Curzio, P.M. Sepe – Azienda ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo (avv.ti Romano, Gallo) c. Federazione lavoratori Funzione Pubblica-Cgil (avv. Bertolone). Conf. Corte d’Appello Torino 18 settembre 2006.

Note: Procedimento per la repressione antisindacale e processo del lavoro

Condotta antisindacale – Fase sommaria – Poteri istruttori del giudice – Massima informalità – Compressione del principio del contraddittorio – Legittimità.

Nel procedimento promosso ai sensi dell’art. 28 Stat. lav., l’istruttoria consiste nella convocazione delle parti e nell’assunzione di sommarie informazioni, all’interno di un contesto di estrema rapidità, che consente al giudice di acquisire informazioni, anche dopo l’audizione delle parti, nel modo più informale; il giudice, infatti, ai fini dell’emissione del decreto, può considerare un documento depositato in cancelleria dopo l’audizione delle parti, senza che possa essere ritenuto violato il principio del contraddittorio, che trova piena garanzia soltanto nella fase di opposizione
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Contratti collettivi e «istituti della partecipazione» nel settore pubblico dopo la «riforma Brunetta»

Articolo scritto da: Gaetano D'Auria

Le pronunce affermano la persistenza, in capo alle p.a., degli obblighi di concertazione sindacale che, in materia organizzativa e di gestione dei rapporti di lavoro, sono previsti dai c.c.n.l. precedenti l’entrata in vigore del d.lgs. 150/09, di riforma del lav. pubbl.; ciò, malgrado il decreto non ammetta, nelle materie di cui s’è detto, forme di partecipazione sindacale diverse dall’informazione. Il commento sottolinea la problematicità di questa impostazione, segnalando come la riduzione delle modalità partecipative finirà per accrescere l'ingerenza della politica nella gestione della p.a.

Tribunale Torino decr., N.2639-2 Aprile 2010

(Tribunale Torino decr.
N:2639 - 2 Aprile 2010)

Est. Lanza – Funzione pubblica Cgil-Regione Piemonte e altri (avv. Durazzo) c. Inps- Direzione generale del Piemonte (avv. Cuomo)

Note: Contratti collettivi e «istituti della partecipazione» nel settore pubblico dopo la «riforma Brunetta»

Condotta antisindacale – Lavoro pubblico – Modifica del sistema di relazioni sindacali a opera del d.lgs. n. 150/2009 – Comune – Obblighi di concertazione previsti dal Ccnl vigente all’entrata in vigore del d.lgs. n. 150/2009 – Violazione – Antisindacalità.

È antisindacale il comportamento dell’ente pubblico non economico che, assumendo l’inapplicabilità, in esito all’entrata in vigore del d.lgs. n. 150/2009, del sistema di informazione e concertazione a livello aziendale, previsto dal Ccnl di settore vigente all’entrata in vigore dello stesso decreto, abbia negato alle organizzazioni sindacali il diritto all’informazione e alla concertazione su provvedimenti relativi all’organizzazione degli uffici e del lavoro, adottando altresì iniziative unilaterali su tali materie (nella specie, il giudice ha ordinato, oltre alla cessazione del comportamento antisindacale, l’avvio del confronto richiesto dalle organizzazioni sindacali sulle materie oggetto di informazione e di concertazione
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

L’autonomia dell’ordinamento intersindacale alla prova della giurisprudenza di legittimità

Articolo scritto da: LorenzoScarano

Con la sentenza commentata, la Cassazione afferma che non costituisce condotta antisindacale il comportamento del datore di lavoro che applica il contratto collettivo ai lavoratori iscritti ad un sindacato che, pur avendo sottoscritto il precedente accordo ed avendo partecipato alle trattative per il nuovo, non ha firmato il rinnovo, se ciò avviene su espressa accettazione dei lavoratori. La nota si sofferma ad esaminare la plurivoca rilevanza che tale fatto ha nel diritto privato e nell’ordinamento intersindacale.

Cass, N.14511-10 Giugno 2013

(Cass
N:14511 - 10 Giugno 2013)

Sez. lav. – Pres. Vidiri, Est. Marotta, P.M. Matera (conf.) – S.N.D. (avv.ti Veraldi, Ioele) c. Iccrea Banca Spa (avv.ti Boccia, Maresca). Conf. Corte d’Appello Roma, 28 novembre 2007.

Note: L’autonomia dell’ordinamento intersindacale alla prova della giurisprudenza di legittimità
Parole chiave: condotta antisindacale ::

Condotta antisindacale – Contratto collettivo – Rinnovo – Partecipazione alle trattative da parte del sindacato – Mancata sottoscrizione – Sostituzione del contratto – Applicazione del nuovo testo ai lavoratori iscritti al sindacato che non ha firmato – Accettazione dei lavoratori – Insussistenza.

Non costituisce condotta antisindacale il comportamento del datore di lavoro che applica il contratto collettivo ai lavoratori iscritti a un sindacato che, pur avendo sottoscritto il precedente accordo e avendo partecipato alle trattative per il nuovo, non ha firmato il rinnovo, se ciò avviene su espressa accettazione dei lavoratori.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale Torino, N.-7 Mag 2010

(Tribunale Torino
N: - 7 Mag 2010)

Est. Ciocchetti – Filcams- Cgil (avv.ti Martino, Distasio), Uiltucs-Uil (avv. Busso) c. Finairport Service Srl (avv.ti Sbarra, De La Forest).

Note: Sull’antisindacalità della condotta del datore in caso di lesione del diritto all’immagine e alla credibilità del sindacato

Condotta antisindacale – Contratto di solidarietà – Inosservanza dell’accordo sindacale e modifica unilaterale dell’orario lavoro – Lesione del diritto all’immagine del sindacato – Configurabilità.

La violazione del patto di solidarietà e la successiva modifica unilaterale da parte del datore di lavoro della turnazione settimanale ledono il diritto all’immagine e alla credibilità del sindacato e costituiscono condotta antisindacale quando ridimensionano il ruolo delle Oo.Ss.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Nota a Cass. 3 giugno 2009, n. 12811

Articolo scritto da: Liliana Tessaroli

La Cassazione stabilisce che è condotta antisindacale quella tenuta dal datore di lavoro che, in occasione di uno sciopero, sostituisce i lavoratori astenuti con altri preposti a mansioni superiori. Il caso riguarda l’iniziativa della società Autostrade per l’Italia, che, in occasione di uno sciopero dei casellanti aveva impiegato 31 dipendenti, con mansioni superiori, presso 8 caselli autostradali.

Corte di Cassazione, N.12811-3 Giugno 2009

Condotta antisindacale – Art. 28 Stat. lav. – Adibizione del lavoratore a mansioni inferiori – Sostituzione di lavoratori in sciopero – Divieto.

È antisindacale la condotta di un datore di lavoro che, in occasione di uno sciopero, utilizza personale dirigente, quadri, impiegati di elevato livello per svolgere le mansioni degli addetti del pedaggio che hanno aderito all’astensione. Il datore di lavoro non può sostituire i dipendenti in sciopero con lavoratori di qualifica superiore impiegandoli in mansioni inferiori al fine di neutralizzare gli effetti dell’astensione. In tal caso si ha una lesione dell’interesse collettivo del sindacato nella sua capacità di difendere i diritti dei lavoratori mediante la coalizione solidale, perché fa derivare dallo sciopero conseguenze illegittime per altri dipendenti, dividendo gli interessi dei lavoratori e ponendoli in contrasto tra loro e con le organizzazioni sindacali.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Caso Melfi: orgoglio (operaio) e pregiudizio (del giudice)?

Articolo scritto da: Marco Barbieri

SOMMARIO: 1. Il contesto di relazioni industriali. — 2. Il fatto contestato. — 3. Il fatto ricostruito nella sentenza. — 4. I fatti non accertati e non ricostruiti nella sentenza. — 5. Limiti del potere del giudice di ricostruzione del fatto oggetto di contestazione disciplinare e causa di licenziamento. — 6. Complotto contro la Fiom? — 7. Pregiudizio del giudice?

Tribunale Melfi, N.475-15 Luglio 2011

(Tribunale Melfi
N:475 - 15 Luglio 2011)

Est. Palma – Sata Spa (avv.ti B. Amendolito, F. Amendolito, Di Biase, Fazio, Dirutigliano, Ropolo) c. Fiom-Cgil (avv.ti Focareta, Piccinini, Zuccherelli e Grosso) (

Note: Caso Melfi: orgoglio (operaio) e pregiudizio (del giudice)?

Condotta antisindacale – Definizione – Diritto di sciopero – Limiti – Licenziamento per giusta causa – Proporzionalità della sanzione – Sussiste – Antisindacalità del licenziamento – Non sussiste.

Per la sussistenza della condotta antisindacale non è rilevante l’elemento psicologico del datore, ma l’obiettiva idoneità lesiva della condotta. Il licenziamento per fatti accaduti durante uno sciopero è antisindacale se vi sia un’obiettiva disparità di trattamento. L’esercizio del diritto di sciopero deve rispettare il limite costituito dal diritto al libero esercizio dell’impresa. La condotta ostruzionistica e gravemente insubordinata dei lavoratori che impediscano la produzione con la presenza fisica sul tracciato dei carrelli rifornitori delle materie prime, malgrado il richiamo dei superiori, e tengano un atteggiamento irriguardoso e provocatorio, causando un grave danno economico all’azienda, ha sanzione proporzionata nel licenziamento per giusta causa
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa