home

Contrattazione

Riflettendo sul futuro delle relazioni idustriali in epoca di globalizzazione

Articolo scritto da: Ida. Regalia,

Nel numero: N1-2011
I mutamenti della contrattazione collettiva dopo le più recenti vicende che hanno attraversato i nostri assetti delle relazioni industriali. Le difficoltà ma anche le innovazioni. Il welfare contrattuale. Gli accordi transnazionali di gruppo. I difficili rapporti fra i sindacati confederali. Verso nuove prospettive della tutela dei lavoratori nell'era della globalizzazione.
[...]
Sozialpartnerschaft trentina. Concertazione territoriale e sviluppo della contrattazione decentrata

Articolo scritto da: Franco Ianeselli,Alberto Mattei,

Nel numero: 2-2015
L’articolo analizza la dimensione territoriale della Sozialpartnerschaft trentina. In particolare, si delineano i caratteri del collegamento tra concertazione territoriale e sviluppo della contrattazione decentrata, a partire dagli anni settanta fino ai più recenti interventi. Come rilievi conclusivi, vengono svolte alcune considerazioni sugli sviluppi attuali della contrattazione bilaterale (e non solo) su impulso della concertazione territoriale trilaterale.
Parole chiave: Welfare :: Contrattazione :: concertazione ::
[...]
Contrattazione e patto sociale. Un richiamo ai fondamenti

Articolo scritto da: Sebastiano Fadda,

Nel numero: 2-2013
L’articolo sottolinea la necessità di operare una distinzione tra fattori determinanti della dinamica della produttività interni all’impresa e quelli esterni all’impresa Una seconda necessaria distinzione è quella tra conseguenze e cause della crescita di produttività.La contrattazione collettiva dovrebbe essere inquadrata nell’ambito di un più comprensivo patto sociale che includa il governo.Viene raccomandata l’adozione di un tasso programmato di crescita della produttività per evitare che il legame tra salari e produttività diventi un disincentivo per le imprese a investire in innovazione.
Parole chiave: patti sociali :: Contrattazione ::
[...]
La contrattazione dei piani di formazione continua

Articolo scritto da: Sergio Bonetti,

Nel numero: N3-2007
A partire dalla metà degli anni novanta, sostanzialmente grazie alle attività realizzate con il contributo reso disponibile dalle circolari applicative della legge 236/1993, ha cominciato a svilupparsi, molto in ritardo rispetto ad altri paese europei, un sistema nazionale di formazione continua, frutto della progressiva attuazione di importanti politiche pubbliche di sostegno che, via via, ne hanno definito l’assetto e le priorità. ...
Parole chiave: formazione :: Contrattazione ::
[...]
Perché sono importanti e vanno aggiornate le politiche dell’orario di lavoro. Presentazione

Articolo scritto da: Mimmo. Carrieri,Anna M. Ponzellini,

Nel numero: 3-2017
[...]
Prospettive e proposte per nuove relazioni sindacali a livello territoriale

Articolo scritto da: Lorenzo.Zoppoli,

Nel numero: 2-2015
Il saggio, completando una riflessione già avviata sulla Rivista giuridica del lavoro e della previdenza sociale (n. 1/2015), individua gli ambiti entro cui il legislatore potrebbe sostenere una nuova contrattazione collettiva a livello territoriale. Segnala poi le debolezze delle esperienze pregresse di contrattazione territoriale, mettendo in luce come il bilanciamento tra regole universalistiche e adeguate normative di contesto potrebbe essere fortemente agevolato da un’accorta legislazione sul sistema di rappresentanza collettiva.
[...]
Contrattazione, dinamica salariale e produttività: ripensare obiettivi e metodi

Articolo scritto da: Davide Antonioli,Paolo Pini.,

Nel numero: 2-2013
Produttività e salari stagnanti, domanda effettiva in contrazione, crescita ormai un miraggio, contrattazione in declino. Come riprendere un percorso virtuoso, anche ripensando obiettivi e metodi della contrattazione collettiva. La proposta di produttività programmata e contrattata può essere una ricetta? Condizione essenziale è la ripresa delle politiche keynesiane dal lato della domanda, con un forte ruolo pubblico.
Parole chiave: Contrattazione :: dinamica salariale ::
[...]
Accordo separato: quel modello limita la contrattazione

Articolo scritto da: Susanna Camusso,

Nel numero: N2-2009
Una disamina critica del recente accordo sul modello contrattuale, non siglato dalla CGIL.
Parole chiave: Democrazia :: Contrattazione ::
[...]
Il welfare aziendale: evidenze dalla contrattazione
Nel numero: 2-2015
Il welfare aziendale è diventato uno dei terreni più interessanti per la contrattazione di secondo livello ed è potenzialmente in grado di svilupparla in direzione di un equilibrio virtuoso tra interessi aziendali di competitività e interessi sindacali di miglioramento della qualità della vita dei lavoratori. Sulla scorta di queste premesse, l’articolo discute del welfare aziendale e contrattuale attingendo ai dati dell’Osservatorio sulla contrattazione di Cisl Lombardia. Più in particolare, delle intese aziendali sottoscritte tra il 2005 e il 2013 in imprese lombarde di dimensioni medio-grandi l’articolo propone un’analisi interpretativa, e non meramente descrittiva, che intende dare conto delle misure implementate e delle relative finalità, come pure delle strategie e delle dinamiche (sindacali, manageriali, datoriali) sottostanti. Obiettivo dell’approfondimento proposto è quello di affrontare in modo critico la relazione emergente tra welfare integrativo e assetti delle relazioni di lavoro e di offrire spunti di discussione per comprendere come si vada modificando la natura del rapporto tra capitale e lavoro e quale sia, al suo interno, il ruolo della rappresentanza.
[...]
Le ragioni strutturali che giustificano la contrattazione nazionale

Articolo scritto da: Paolo Leon,

Nel numero: 2-2013
La contrattazione nazionale è parte della politica macroeconomica: evita che il naturale egoismo delle imprese e dei lavorator,distrugga l’economia, l’occupazione, lo standard di vita.La contrattazione decentrata è politica microeconomica, perché anche applicata a un gran numero di imprese e di territori non implica nulla per l’economia nel suo complesso.Il declino della prima non serve a fare della seconda un successo, anche perché, in tempi di crisi, il prodotto per addetto, se cresce ora qui ora lì nella geografia imprenditoriale, in media non cresce:perciò non cresceranno nemmeno i salari
[...]